Mi sono innamorata

29 Giugno 2019



Mi sono innamorata
Mi sono innamorata

Gentile dott.ssa Cristina,

Lettera di Margherita

ho 56 anni e posso dire di aver trovato il grande amore. Non sapevo cosa significa avere un uomo che ti ama veramente, che ti desidera e che sta sempre dalla tua parte, pronto a sorreggerti e a difenderti. A mia volta non sapevo che ero capace di prendermi cura di una persona come faccio con lui.

Non faccio fatica perché lo stimo e il nostro modo di pensare e considerare le cose è simile; a volte ci sembra di pensare all’unisono. Ma al contempo questo grande amore è anche impegno, siamo impegnati uno verso l’altro in modo totale. Come è facile a volte che tutto possa essere distrutto da un battibecco, una risposta acida, uno sgarbo. Per questo stiamo molto attenti.

Da quando è entrato nella mia vita, i problemi di cui non riuscivo a liberarmi, si sono risolti, forse perché ero meno preoccupata e perché lui mi ha dato sicurezza e determinazione. Ma anche lui ha trasformato la sua vita in meglio, lasciandosi alle spalle il passato e ottenendo maggior successo sul lavoro.

Sono stupita: proprio quando avevo deciso che non avrei mai più guardato un uomo è arrivato lui, è entrato nella mia vita trasformandola; e così proprio quando pensavo che avrei perso la giovinezza e la bellezza , io sono rifiorita. Sono piena di vita, dormo bene, il mio corpo risponde al desiderio e sono più bella.

Pensare che già da ragazzina mi sono sempre vista tanti difetti Sapevo di non essere brutta, ma non di essere bella e affascinante. Di avere valore. Di conseguenza forse ero timida o scostante, o tenevo gli occhi stretti , la bocca rigida. Le spalle contratte. Non pensavo neppure di meritare un uomo come io lo sognavo, e credo che questo mi abbia fatto accettare persone inadatte a me.

Ora improvvisamente mi sento bella e finalmente a casa. La nuova Margherita cammina a testa alta, con le spalle rilassate ed è aperta e sorridente con gli altri.

È curioso arrivare a 56 anni e scoprire che la verità è così semplice. E le confesso che ho paura di svegliarmi e ritrovarmi nella caverna oscura. Prego ogni giorno che questo amore duri a lungo, che quest’uomo sia sempre con me. Sento il bisogno di ringraziare la vita e portare la mia testimonianza ai miei due nipoti: a Martina che non si accontenti del primo che passa ma che lo metta alla prova e a Davide perché cerchi la sua amata tra mille. E alla fine ho pensato di mandarla a lei perchè altri nipoti possano leggerla.

 

Margherita

 

 

Mi sono innamorataCara Margherita,

come sono felice di questa testimonianza e le do volentieri spazio in questa rubrica.

C’ è un mistero nell’amore che è da sempre inspiegabile, come nell’arte. Gli antichi , in particolare i Greci, credevano che l’uomo potesse fare una cosa grande solo se era ispirato da un dio. E l’amore stesso era considerato un dono divino Infatti Platone considerava l’amore follia divina come l’ispirazione poetica e la capacità divinatoria.

Pensiamo all’arte: molti possono sentirsi chiamati a creare un’opera d’arte. Sin dall’antichità si dava molta importanza, più di oggi, alla formazione: entrare in un cenacolo culturale, andare a bottega da un’artista o diventare l’allievo di un grande musicista e seguirne accuratamente consigli erano i passi indispensabili per imparare a suonare comporre, scolpire . E poi, una volta apprese le tecniche, solo dopo si poteva provare a farlo. Un grande desiderio di realizzare l’opera è indispensabile, insieme alla dedizione, all’allenamento. Ma non è sufficiente a garantire il risultato. Puoi fare un buon quadro, ma un capolavoro capace di commuovere e ispirare intere generazioni nei secoli come Michelangelo o Bach o Mozart è un mistero. Vi è un ingrediente misterioso che è l’ispirazione. È molto raro e nel contempo, però viene in qualche modo evocato. Io credo che anche in amore accada qualcosa di simile. Il grande innamoramento reciproco produce una risonanza, una creatività, una forza e come testimonia lei, produce guarigione dai limiti in cui ci si era chiusi, ma lo trova chi lo ha a lungo desiderato, chi sa sofferto, chi lo ha cercato, chi ha fortuna. Non nasce sempre, non nasce ovunque, è un dono o un’ispirazione divina, è necessario anche avere un sapere sull’amore, sapendo che non basta. Come l’arte.

Cristina Cattaneo Beretta

 

Condividi questo articolo

Mi sono innamorata

Cristina Cattaneo Beretta

Cristina Cattaneo Beretta (ha aggiunto il nome della mamma al suo) (email) Laureata in filosofia ed in psicologia a Pavia, psicoterapeuta, dottore di ricerca in filosofia delle scienze sociali e comunicazione simbolica, ha condotto studi sul linguaggio simbolico e il suo uso terapeutico (Cristina Cattaneo Il pozzo e la luna ed Aracne). Studia le esperienze di rinnovamento creativo e i processi amorosi, approfondendo in particolare il tema della dipendenza affettiva. Ha pubblicato con Francesco Alberoni: L’universo amoroso (Milano, 2017 ed. Jouvence), Amore mi come sei cambiato (2019 Milano, ed. Piemme Mondadori), L’amore e il tempo (Aracne 2020).

Back to Top