La bolla, sfera incantata degli innamorati

19 Ottobre 2017



La bolla, sfera incantata degli innamorati
Cielo azzurro

Vi è una fase iniziale dell’innamoramento in cui i due amanti si sono già riconosciuti, non si domandano più  se si amano, ne sono certi.

Hanno una totale fiducia l’uno nell’altro, si aprono totalmente, si raccontano tutto in  sincerità, con ingenuità, con candore, senza calcolo dei costi benefici.
Nella bolla non c’è spazio per il potere, per la competizione, per l’orgoglio.
È l’isola della la fiducia in se stessi, nell’altro, della verità, della serenità. La bolla è la fortezza inviolabile in cui i due amanti affrontano insieme il mondo, dove si potranno sempre rifugiare.

Nella bolla i due amanti si comportano fra di loro in base ai principi della morale universale: il rispetto reciproco, il rispetto dei patti, il dono di tutto se stesso, l’aiuto a chi ha  bisogno. Al tuo amato domandi cosa pensa, cosa sente, cosa gli serve, che cosa desidera, cosa gli piace e cosa non gli piace e fai di tutto per soddisfarlo, lo stesso fa lui con te.   Gli dici sempre la verità nelle grandi come nelle piccole cose. Gli sei fedele e ti è fedele. Gli dai felicità e ti da felicità. Ti prodighi per lui senza tenere contabilità, tutto ciò che è tuo è anche suo. Non gli imponi mai il tuo volere, partecipi del suo dolore e della sua gioia, sei sempre dalla sua parte, gli rendi giustizia. Tutto questo avviene all’inizio dell’innamoramento ed è la base di un amore duraturo che si rinnova se riscopre questa esperienza fondante. Finché la ritrova, vive.

E possiamo domandarci se questi principi della morale universale, oltre che dall’insegnamento dei genitori e dei maestri, non venga riscoperto e sperimentato proprio dagli innamorati quando sono nella loro bolla.

 

La bolla, sfera incantata degli innamorati

Vai all’indice del 2 numero

Condividi questo articolo

La bolla, sfera incantata degli innamorati

Francesco Alberoni

Laureato in medicina, ordinario di Sociologia a Milano. Ha studiato il divismo L’elite senza potere (1963) ed è stato il fondatore della sociologia dei consumi in Europa: Consumi e società (1964). È il maggior studioso dei movimenti collettivi Movimento e istituzione (1977) e Genesi (1989), è il pioniere degli studi sull’amore: Innamoramento e amore (1979) tradotto in trenta lingue, un tema che ha continuato ad approfondire con L’amicizia (1984) l’Erotismo 1986) Ti amo (1996) Sesso e amore (2006) L’arte di amare (2012) Amore e amori (Edizioni Leima, Palermo, 2016). Con Cristina Cattaneo ha pubblicato L’universo amoroso (2017), Amore mio come sei cambiato (2019) e L’amore e il tempo (2020).

Back to Top