Il daimon

26 Marzo 2022



Il daimon
Il daimon

L’incontro con l’ombra, quella parte di noi chiusa nelle segrete dell’inconscio, è un’esperienza sempre pericolosa, alternante, dove le parti arcaiche, oscure, violente e disdicevoli si manifestano per essere finalmente ascoltate e integrate nella coscienza.

Il processo di individuazione, che avviene nella seconda parte della vita, è l’unione dei grandi opposti, peregrinazioni dagli inferi alle stelle, la grande missione di tutti gli umani.

Specchio dell’ombra è il daimon, il processo creativo legato al sogno. Il daimon è l’ispirazione nella musica, nelle arti, nelle scienze. Quando si manifesta la sua potenza è inarrestabile, la passione è il suo linguaggio.

Esso, il daimon, riesce ad insinuarsi nelle nostre parti più vulnerabili , dove solitudine e malinconia abitano, accendendo fuochi d’artificio di ogni colore. L’energia del daimon accende amori impossibili, progetti mai realizzati prima, fiumi di musica, religione, filosofia.

Il daimon è il compagno segreto che dal cosmo viaggia verso soli lontani e ci rammenta che nulla è impossibile.

Quando daimon e ombra personale si sposano, nascono opere universali che tutti possono comprendere e amare, ma nei casi di dissonanza le parti più crudeli e decerebrate dell’ombra accecano il daimon rendendolo furioso e distruttivo. Oggi, a un passo dalla catastrofe nucleare, la paura paralizza il pensiero di tutti evitando l’emergere di una coscienza evoluta compassionevole e intelligente.

L’ombra delle nazioni prevale sulla razionalità e i quattro cavalieri dell’apocalisse svolgono i loro compiti nell’indifferenza delle esistenze ancora normali tra cibo e spettacoli. Il silenzio degli uccelli non fa notizia.

L’immaginazione guidata nella meditazione mattutina è il mio gioco a rimpiattino con l’ombra. Quasi sempre vince lei. Ma questo aiuta a fare comunella. Lei sa che il mio desiderio è rimanere a lungo col daimon e che senza di lei non posso farcela. Così a volte si diverte a spaventarmi con incubi e visioni sgradevoli, altre con paure irrazionali e uno stato di preallarme fastidioso. Ogni cosa ha un prezzo: frequentare un cavernicolo non significa addomesticarlo, ma entrare nella materia dell’essere, diversa per ognuno di noi.

Condividi questo articolo

Il daimon

Rossana De Angelis

Psicologa, PHD in human behaviour presso la Jolla University, San Diego – California. Specializzazione in psicoterapia neofreudiana presso “A.S.P.” , junghiana presso “C.I.P.A”; in riabilitazione neuropsicologica clinica presso “LoeWenstein Hospital”, con il prof. Rahamani, Israele, specializzazione in Gruppoanalisi.

ARTICOLO PRECEDENTEPROSSIMO ARTICOLO
Back to Top