Il paziente camaleonte

18 Aprile 2022



Il paziente camaleonte
Il paziente camaleonte

Il paziente “camaleonte” si manifesta in modo educato, empatico, apparentemente molto attento alle parole del terapeuta. Nello svolgersi del lavoro porta sempre esperienze interessanti, a volte drammatiche, a volte successi e miglioramenti del suo stato psicologico.

Il lavoro con il camaleonte si trasforma spesso in una telenovela , ma con risvolti imprevedibili , burrasche emozionali, laghi di tristezza, incubi in paesaggi gotici e improvvise avventure di sano perbenismo assuefatto nel buonsenso comune  del ”così fan tutti”.

Quando esperienze reali creano finalmente l’inside terapeutico il camaleonte diventa grigio e silenzioso. Questo è il momento dove ogni terapeuta si frega le mani, non per malvagità ma perché finalmente la creaturina che prendeva tutti i colori dell’iride è sé stessa, non ha più bisogno di difendersi trasformandosi.

Il camaleonte, quando cambia colore, è comunque sé stesso, perché nessuna mosca scampa vicino a lui.

Lavorando con i sogni si crea uno spazio comune dove la coscienza si espande e il tempo si dilata. Due persone in una stanza emettono bolle luminose che viaggiano, anche il terapeuta diventa camaleonte, in una giungla colorata dove il pensiero è emozione e desiderio.

Nello spazio sognante tutto il reale diventa possibile e questo fabbrica le guarigioni “miracolose” quando i futuri possibili si manifestano.

A volte, quando il camaleonte arriva con un racconto straordinario, invece che elaborare con una sapiente interpretazione il tutto, un semplice “anch’io”  serio e composto  del terapeuta interrompe l’arcobaleno  e la piccola creatura grigia mi ascolta.

Condividi questo articolo

Ultimi articoli

Newsletter

Il paziente camaleonte

Rossana De Angelis

Psicologa, PHD in human behaviour presso la Jolla University, San Diego – California. Specializzazione in psicoterapia neofreudiana presso “A.S.P.” , junghiana presso “C.I.P.A”; in riabilitazione neuropsicologica clinica presso “LoeWenstein Hospital”, con il prof. Rahamani, Israele, specializzazione in Gruppoanalisi.

ARTICOLO PRECEDENTE
Back to Top