Come può la società italiana rifiorire?

8 Giugno 2020



Come può la società italiana rifiorire?
Società italiana rifiorisce

Come può la società italiana rifiorire? Quale o quali sono le chiavi di volta essenziali di questa ripresa? Io vi rispondo in modo semplice partendo solo alcune cose che ho visto, che ho osservato e che mi hanno colpito. Ieri sera per esempio sentivo discutere due giovani che si lamentavano di non trovare lavoro. Ma dove lo cercavano questo lavoro? facendo il giornalista o nel campo della comunicazione, dove non c’è domanda di lavoro. Nessuno di loro ha parlato di studi tecnici. Poi dicevano che è tutto diverso all’estero dove infatti i nostri giovani trovano lavoro, fanno carriera. Ma non aggiungevano che, di solito, non lo trovano come giornalisti e comunicatori ma come tecnici esperti nei settori in cui la domanda è più alta. Perché qualsiasi progresso scientifico o tecnico, qualsiasi riorganizzazione del lavoro o cambiamento del mercato rende obsolete certe professioni, certi mestieri e ne rende necessari altri in cui la gente però non è preparata e il fondamento di questa preparazione resta pur sempre scientifico, in qualunque campo. E stato detto ai giovani che la scuola non serve per avere successo nella vita, e sarà vero per il successo, ma non per il lavoro che richiede conoscenze sempre più nuove sempre più complesse che si acquisiscono in scuole migliori con uno studio più accurato, più preciso. Anche quelle che appaiono le conoscenze più semplici richiedono ottime scuole. Per esempio l’apprendimento di lingue come l’inglese o il francese: sono poche ed altamente specializzate quelle in cui le impari veramente e puoi usarle in qualsiasi impresa, in qualsiasi paese. E con le lingue gli elementi fondamentali del diritto e della ragioneria Chi ha il coraggio di impegnarsi a fondo nello studio dell’informatica e delle sue applicazioni studiando in continuazione tutte le innovazioni? E chi vuol percorrere gli innumerevoli cunicoli della medicina, della biochimica della genetica, della immunologia, dell’igiene di tutto ciò che ai vari livelli serve nel campo sanitario nella creazione e nell’uso di apparecchiature tecniche e di robot oppure nella cura domiciliare dei malati o dei vecchi con strumenti miniaturizzati e con il web. E lo stesso vale in tutti i campi dalla manifattura, alla agricoltura , alla casa. In tutti i campi deve studiare in continuazione per tutta la vita.

indichiamo i campi in cui ci sono possibili innovazioni. Ma in realtà lo studio oggi è una cosa assolutamente obbligatoria, anche in campi dove solitamente non si pensa, come il lavoro nella burocrazia. Se vuoi stare al passo devi continuamente studiare le nuove normative e i nuovi software. Ma anche nella vita quotidiana viene richiesto un continuo sforzo, un continuo impegno, un continuo aggiornamento per continuare ad usare il computer o il cellulare.

Condividi questo articolo

Come può la società italiana rifiorire?

Francesco Alberoni

Laureato in medicina, ordinario di Sociologia a Milano. Ha studiato il divismo L’elite senza potere (1963) ed è stato il fondatore della sociologia dei consumi in Europa: Consumi e società (1964). È il maggior studioso dei movimenti collettivi Movimento e istituzione (1977) e Genesi (1989), è il pioniere degli studi sull’amore: Innamoramento e amore (1979) tradotto in trenta lingue, un tema che ha continuato ad approfondire con L’amicizia (1984) l’Erotismo 1986) Ti amo (1996) Sesso e amore (2006) L’arte di amare (2012) Amore e amori (Edizioni Leima, Palermo, 2016). Con Cristina Cattaneo ha pubblicato L’universo amoroso (2017), Amore mio come sei cambiato (2019) e L’amore e il tempo (2020).

ARTICOLO PRECEDENTEPROSSIMO ARTICOLO
Back to Top