Fidarsi del proprio partner. Rubrica domande sull’amore

13 Febbraio 2020



Fidarsi del proprio partner. Rubrica domande sull'amore
Fidarsi del proprio partner. Rubrica domande sull'amore

Io non guardo nel computer di mio marito con cui sono sposata da otto anni e tanto meno il suo cellulare. Però l’altro giorno lui è partito dimenticandolo a casa, ne aveva bisogno e mi ha chiesto di trovargli una lettera. Immagini con che sorpresa ho trovano nelle e-mail in arrivo numerose fotografie di donne nude con lunghe lettere in cui dicono di averlo visto su internet, di adorarlo e di volere una relazione sessuale. Quasi tutte costoro mi sembrano straniere. Non credo che lui abbia una corrispondenza con loro, ma perché gli scrivono e soprattutto perché le tiene e non le distrugge? Vuol dire che non mi ama più? 

Beatrice

 

Fidarsi del proprio partner. Rubrica domande sull'amore

Lei ha accanto un uomo che ama profondamente e dal quale ritiene di essere riamata, la vostra sembra una coppia forte, si fida di lui e sente che lui si fida di lei. Ma oggi lui le ha chiesto di aprire il suo cellulare e lei ha scoperto molte mail di donne nude che gli si propongono, belle, giovani, provocanti e soprattutto si è accorta che lui, queste foto, le conserva. I nostri cellulari oggi sono come le casette delle tartarughe, case mobili che ci portiamo sempre con noi con dentro le cose più importanti della nostra esistenza, accessi ai conti correnti, alle password, alle nostre agende, ai referti medici, ai nostri appunti più preziosi perché sono tutti comprimibili in pochi byte.
Per questo chi è saggio, come ha fatto lei,  non spia il cellulare dell’amato, sa che si tratta di un regno che contiene molti aspetti dell’amato che potrebbero renderla inquieta inutilmente. Oltre a cose serie e importanti il cellulare tiene le tracce dei momenti di relax. E qui veniamo al suo caso. Le faccio due esempi: in certi gruppi maschili, vi sono quelli che, per una sorta di cameratismo mandano ogni mattina ai loro amici, come saluto,  immagini di donne nude, giovani e provocanti. E a farlo non sono solo uomini analfabeti o grezzi, ma professionisti affermati, medici, scrittori, professori, manager. Il motivo è banale: l’immagine della donna che si offre, se è bella, mette d’accordo tutti i maschi.  E’ cameratismo. Un tempo si sarebbero regalati il calendario Pirelli, oggi condividono immagini in whatsapp.
Altre fonti di foto di donne nude sono di prostitute. Cambiano i tempi, ma non certi costumi: oggi molte prostitute  utilizzano i  nuovi sistemi per trovare clienti. e mandano le loro foto nude. Per questo, mi sento di dirle che se il problema sono le immagini, e non vi sono altri segni si rassicuri. Infatti lei  scrive che suo marito non risponde.  Si chiede perché lui non le cancelli subito. Non sottovaluti un piccolo piacere tutto maschile: alcune di quelle immagini sono molto belle, eroticamente provocanti e magari gli piace talvolta buttare lo guardo su “tutta quella carne esposta in modo così esplicito”. Poi le butterà.  Le consiglio tuttavia di parlargli  e dirgli che la presenza di quelle foto la infastidisce.

Cristina Cattaneo Beretta

 

Fidarsi del proprio partner. Rubrica domande sull'amoreMandate le vostre lettere, scrivete le vostre domande  a  Cristina Cattaneo Beretta (link);  arriveranno nella sua posta personale: la privacy di chi scrive sarà tutelata modificando nomi e luoghi, situazioni e la vostra persona resa irriconoscibile.
Indicate nella mail:   Autorizzo  Alberoni magazine al trattamento dei dati personali ai sensi del decreto legislativo 196/2003 e del GDPR 679/2016.

Condividi questo articolo

Fidarsi del proprio partner. Rubrica domande sull'amore

Cristina Cattaneo Beretta

Cristina Cattaneo Beretta (ha aggiunto il nome della mamma al suo) (email) Laureata in filosofia ed in psicologia a Pavia, psicoterapeuta, dottore di ricerca in filosofia delle scienze sociali e comunicazione simbolica, ha condotto studi sul linguaggio simbolico e il suo uso terapeutico (Cristina Cattaneo Il pozzo e la luna ed Aracne). Studia le esperienze di rinnovamento creativo e i processi amorosi, approfondendo in particolare il tema della dipendenza affettiva. Ha pubblicato con Francesco Alberoni: L’universo amoroso (Milano, 2017 ed. Jouvence), Amore mi come sei cambiato (2019 Milano, ed. Piemme Mondadori), L’amore e il tempo (Aracne 2020).

Back to Top