L’atto seduttivo come sonno ipnotico

9 Febbraio 2018



L'atto seduttivo come sonno ipnotico
L'atto seduttivo come sonno ipnotico

Nel libro Madame Bovary di Flaubert, il ricco gaudente Rodolfo seduce la bella borghese Emma Bovary secondo un piano studiato. Non appena ha avuto l’occasione di appartarsi con lei, Rodolfo convince Emma che tutto ciò che lei crede sul perbenismo, sulla morale, sulla fedeltà coniugale sono sciocchezza. È un lavaggio del cervello, un corso accelerato di morale libertina. Nel primo incontro Rodolfo ha tolto ad Emma le sue certezze e le sue difese. Quando la rivedrà dopo sei mesi lei è già soggiogata da lui. Fanno una gita a cavallo ed Emma è in uno stato sognante. Poi si fermano e lui la fa sedere accanto a sé, lei gli dice che è un errore ma lui sorridendo la fa distendere accanto a sé. Riportiamo le parole del testo: “La stoffa del suo vestito aderiva al velluto della giacca, lei rovesciò il collo bianco dilatato da un sospiro e, piangendo allo stremo delle sue forze nascondendosi il viso in un lungo fremito si abbandonò…”. Nient’altro, un lasciarsi andare con gli occhi coperti piangendo, senza consapevolezza di ciò che fa, abbandono alla volontà e ai gesti dell’altro, l’atto sessuale subìto come in sogno.

Lo stesso avviene nel momento seduttivo del libro L’amante di Lady Chatterley. Connie è andata nella foresta, ha incontrato il guardiacaccia, lui l’ha invitata ad entrare nella sua casupola. Anche qui lasciamo le parole all’autore: “Si sdrai qui – disse dolcemente, poi chiuse la porta… Mossa da una strana ubbidienza Conny si distese sulla coperta. Poi sentì una mano discreta cercarle il volto, rassicurante. Poi Connie sentì un lieve tocco di un bacio sulla guancia, rimase immobile come addormentata poi ebbe un brivido sentendo la mano dell’uomo brancolare fra i suoi vestiti… poi la mano le tocca il suo corpo caldo e morbido e ed entra subito in lei, penetra nella pace terrena di quel corpo tenero arrendevole… Connie rimase ferma sempre immersa in una specie di torpore. Anche lo sgorgare del suo seme dentro di lei avviene in una specie di sonno”.

La seduzione corrisponde al diventare totalmente passiva, ad una specie di sonno ipnotico in cui lei fa tutto ciò che vuole l’altro, lascia fare tutto a lui restando immobile e quasi inconsapevole.

Condividi questo articolo

L'atto seduttivo come sonno ipnotico

Francesco Alberoni

Laureato in medicina, ordinario di Sociologia a Milano. Ha studiato il divismo L’elite senza potere (1963) ed è stato il fondatore della sociologia dei consumi in Europa: Consumi e società (1964). È il maggior studioso dei movimenti collettivi Movimento e istituzione (1977) e Genesi (1989), è il pioniere degli studi sull’amore: Innamoramento e amore (1979) tradotto in trenta lingue, un tema che ha continuato ad approfondire con L’amicizia (1984) l’Erotismo 1986) Ti amo (1996) Sesso e amore (2006) L’arte di amare (2012) Amore e amori (Edizioni Leima, Palermo, 2016). Con Cristina Cattaneo ha pubblicato L’universo amoroso (2017), Amore mio come sei cambiato (2019) e L’amore e il tempo (2020).

ARTICOLO PRECEDENTEPROSSIMO ARTICOLO
Back to Top