Quando il nudo diventa erotico

11 Giugno 2018



Quando il nudo diventa erotico
Quando il nudo diventa erotico

Il massimo della atmosfera erotica si dovrebbe avere al mare dove tutti migliaia e migliaia di persone sono quasi nude. E indubbio che la vacanza al mare con la prossimità dei corpi, le cene, le feste e il ballo favorisca i pensieri erotici più dell’austera montagna. Ma nel complesso la spiaggia non è un ambiente ad alta intensità erotica. Prima di tutto perché vi sono tanti tipi di corpi e di tutte le età in atteggiamenti che non hanno nulla di erotico. Ci sono i corpi nudi ma la società non trasmette impulsi e stimoli erotici, anzi li proibisce. Sulla spiaggia sono proibiti gli abbracci, le carezze erotiche e gli atti sessuali fino alla copulazione. Quindi il corpo non si erotizza. Lo stesso corpo che in albergo, in un luogo appartato diventa cosi oggetto di un desiderio sfrenato e strappa di dosso i vestiti al compagno, sulla spiaggia non provoca nessun eccitamento. E non suscita emozioni erotiche se riduce la copertura del corpo con il topless o con un tanga invisibile. Arriviamo cosi alla diserotizzazione del corpo con il nudismo integrale delle comunità nudiste. Qui il corpo obbligatoriamente nudo in tutte le situazioni non può diventare un oggetto da denudare eroticamente perché è un oggetto naturale non contaminato da oggetti della civiltà che lo celano e celandolo lo fanno diventare proibito di conseguenza per questo eccitante. Solo il proibito, solo la sfida, la lotta ti da il premio: la resa oppure il sesso. Se non c'è conquista non c'è desiderio e non c'è erotismo.

E quando diventa erotico?
Diventa erotico quando nella vita quotidiana è proibito ma viene esibito sotto forma di trasgressione. E tipico della donna nuda che quando entra un uomo istintivamente si copre. Salvo poi, distrattamente. lasciar scivolare un indumento che copre il seno. Poiché gli uomini hanno un forte erotismo visivo, il denudarsi progressivamente è diventato spettacolo eccitante: lo strip tease. Il nudo completo sempre presente, abituale quotidiano viene assorbito dalle attività non erotiche e si diserotizza. Come il far da mangiare, lavare... Se invece è collocato in un ambiente che ha scopi sessuali, per esempio se ad una festa le cameriere servono nude e sono disponibili a giochi erotici, si erotizza moltissimo. Ma forse il massimo della erotizzazione si ha nel ballo come ci ricorda il “ballo dei sette veli “ di Salomè .
A volte è una specifica parte del corpo che eccita fino ad avere un feticismo del seno, dei glutei, della vagina o del pene; mi vengono in mente due innamorati in cui la donna ha una vera venerazione per il pene del suo amato. Si coricano accanto nudi e lei guarda a lungo, glielo accarezza, glielo bacia, glielo prende in bocca e solo dopo questo lungo rituale si fa penetrare. In un altro caso è l’uomo che va in estasi per la la vulva della sua compagna che è depilata, piccolina, rosea, molto delicata, sensibilissima. Lui usando un unguento gliela accarezza in molti modi, in superficie sfiorandole il clitoride, e la guarda mentre il clitoride cresce e dopo un orgasmo si rilassa e poi riprende a gonfiarsi. Lui allora gliela bacia, gliela prende in bocca e solo dopo un lungo rituale di questo genere in cui lei lo scongiura di metterle dentro il pene la penetra. La donna che è già supereccitata si lascia andare ed ha numerosi orgasmi, uno via l’altro, e finisce in uno stato di beatitudine prolungato dopo di che si addormenta.
Due attori porno che per anni hanno fatto atti sessuali di ogni tipo nei film, se si incontrano in un altro contesto vestiti eleganti, si “vedono” con occhi nuovi e si possono piacere, conversare in modo rispettoso. Ed è capitato anche si innamorassero. Allora tutto cambia. L’uomo innamorato, che ha fatto all’amore con quella donna come partner sessuale, ora è intimidito come un ragazzino, le porta un mazzo di fiori, è gentile. E come se entrambi fossero rinati, come se fossero due persone nuove, diverse. Lei non e più un corpo, un attrezzo di lavoro, è trasfigurata, una dea. E talvolta dopo essersi innamorati i maschi diventano gelosi della propria donna, non vogliono che faccia sesso con altri. Possono farlo solo loro due. E più facile che sia la donna ad accettare che il suo amato faccia sesso con altre, purché continui a darle altre prove di amore esclusivo.

Condividi questo articolo

Ultimi articoli

Newsletter

Quando il nudo diventa erotico

Francesco Alberoni

Laureato in medicina, ordinario di Sociologia a Milano. Ha studiato il divismo L’elite senza potere (1963) ed è stato il fondatore della sociologia dei consumi in Europa: Consumi e società (1964). È il maggior studioso dei movimenti collettivi Movimento e istituzione (1977) e Genesi (1989), è il pioniere degli studi sull’amore: Innamoramento e amore (1979) tradotto in trenta lingue, un tema che ha continuato ad approfondire con L’amicizia (1984) l’Erotismo 1986) Ti amo (1996) Sesso e amore (2006) L’arte di amare (2012) Amore e amori (Edizioni Leima, Palermo, 2016). Con Cristina Cattaneo ha pubblicato L'universo amoroso (2017), Amore mio come sei cambiato (2019) e L'amore e il tempo (2020), Il rinnovamento del mondo. E' mancato il 14 agosto 2023.

Back to Top