Mi sono innamorato di una giornalista televisiva

25 Maggio 2019



Mi sono innamorato di una giornalista televisiva
Mi sono innamorato di una giornalista televisiva

Salve, mi chiamo Mario e  ho 22 anni, fino a gennaio di quest’anno non avevo mai affrontato o conosciuto il sentimento dell’amore. Leggendo un libro ho scoperto la forza e la bellezza di questo sentimento, allora mi sono messo alla ricerca di libri che ne parlassero in modo più specifico e ho fatto conoscenza del dott. Alberoni. Le sue opere mi hanno aiutato a capire la condizione in cui mi trovavo, mi hanno rivoltato come un calzino, da lì ho iniziato una piccola ricerca, chi mi ha fatto questo sortilegio, chi è la persona di cui mi sono “innamorato”? Considerando che ho pochissimi amici, due, conosco pochissime ragazze e come ho già detto fin all’inizio dell’anno ripudiavo questo sentimento ed ora non posso farne a meno. Dopo varie ricerche, ho capito che la donna di cui mi ero innamorato la seguivo su Instagram, una giornalista di 14 anni più grande di me, ovviamente essendo un sognatore e capricorno, per una settimana mi sono illuso poi però sono tornato al mio solito pragmatismo, ma ogni volta che la vedo non riesco a non meravigliarmi. Ho scoperto tante cose su di lei, ma lei neanche sa che esisto, sono solo uno dei suoi tanti followers. Ingoiato il rospo (e resomi conto della mia bruttezza fisica), mi sono reso conto che è un “amore” impossibile, differenza d’età e non ci conosciamo neanche. Allora lascio perdere, ma ogni volta che la vedo in Tv o sui social rimango a bocca aperta, sono addirittura geloso, in certi momenti la odio, vorrei che lei fosse felice perchè ho capito che è una persona sola come lo sono io d’altronde.

La mia domanda è, com’è possibile che io mi sia innamorato di una persona che conosco (conosco è un parolone, la seguo si social) a malapena, ma sopratutto com’è possibile che io arrivi ad essere geloso e ad odiarla?

Mi scusi per il disturbo, ma ho bisogno di risposte,

Mario

 

 

Mi sono innamorato di una giornalista televisivaCaro Mario,

Qualche anno fa il professor Alberoni scrisse un libro dal titolo “il volo nuziale”.  In quel libro riportava i risultati di una ricerca  che evidenziava la tendenza diffusa tra le giovani ragazze di innamorarsi di uomini famosi, attori,  cantanti, campioni sportivi. Il comune denominatore era di essere personaggi famosi, emergenti, affermati.  Alberoni osservava che non si trattava di veri amori ma di infatuazioni fortissime, quanto labili: queste ragazze sapevano tutto del loro eroe, ne conoscevano ogni dettaglio, appendevano in camera la loro immagine… Soffrivano e gioivano per le sue sconfitte e le sue vittorie, sognavano di essere le elette. Ma questa loro predilezione nel giro di breve tempo finiva, quando accadeva loro di innamorarsi veramente: il vero amore è infatti solo quello bilaterale per una persona reale, di cui sappiamo pregi e difetti. 

La sua preziosa e accalorata testimonianza mi conferma in una supposizione che ho già da tempo:  che è in atto un grande cambiamento nei maschi, come è avvenuto nelle femmine, in particolare nella  dimensione affettiva,  dalla quale un tempo gli uomini si tenevano lontani, perché era delegata alle donne, per cui  la ritenevano un campo da non invadere.

Ma le donne stanno cambiando  si è  liberato uno spazio che gli uomini più sensibili incominciano a occupare.  Così probabilmente  sta accadendo a lei che sente la pressione del sentimento e lo rivolge a una donna sconosciuta ma famosa. Cosa le posso consigliare?  Le persone che ci affascinano a mio avviso hanno qualcosa a che fare con noi, esprimono talenti che vorremmo esprimere , forse fanno risuonare nostri talenti. Lei dice ” ho pochissimi amici, conosco pochissime ragazze,  ripudiavo questo sentimento ed ora non posso farne a meno”.

L’infatuazione per la sua giornalista diva  la invita a uscire dal suo guscio, a cambiare. Si iscriva a un corso di ballo per superare la sua timidezza, o si iscriva a un circolo mondano. Si prefigga di conoscere persone nuove. All’inizio le sembrerà di fare tutti gli  sbagli del mondo, ma non si dia pensiero. Sbagliare è un bel modo per imparare.

Una cosa non deve sbagliare: non dimentichi di avere un animo sensibile. Frequenti tante persone ma selezioni quelle dall’animo gentile e delicato. Faccia amicizia  con loro. In lei c’è un tesoro che deve difendere. Il suo tesoro è la sua sensibilità, la sua gentilezza d’animo.

Lei sta provando un’esperienza che è come una vaccinazione, l’amore unilaterale, ma in forma protetta dato che lei non conosce questa giornalista.  Sappia che l’amore è il più grande dono della vita, ma solo se è bilaterale.  Dia il suo amore solo a una donna che  la ama a sua volta.

Cristina Cattaneo Beretta

 

vedi anche un altro stile di risposta https://www.corriere.it/sette/opinioni/gramellini/19_ottobre_25/posta-massimo-gramellini-la-amo-ma-sono-solo-follower-fda7e256-f333-11e9-ad64-4488d500d2a2.shtml

 

Mandate le vostre lettere, scrivete le vostre domande  a  Cristina Cattaneo Beretta (link) . 
Arriveranno nella sua posta personale.

Condividi questo articolo

Mi sono innamorato di una giornalista televisiva

Cristina Cattaneo Beretta

Cristina Cattaneo Beretta (ha aggiunto il nome della mamma al suo) (email) Laureata in filosofia ed in psicologia a Pavia, psicoterapeuta, dottore di ricerca in filosofia delle scienze sociali e comunicazione simbolica, ha condotto studi sul linguaggio simbolico e il suo uso terapeutico (Cristina Cattaneo Il pozzo e la luna ed Aracne). Studia le esperienze di rinnovamento creativo e i processi amorosi, approfondendo in particolare il tema della dipendenza affettiva. Ha pubblicato con Francesco Alberoni: L’universo amoroso (Milano, 2017 ed. Jouvence), Amore mi come sei cambiato (2019 Milano, ed. Piemme Mondadori), L’amore e il tempo (Aracne 2020).

Back to Top