Blue Jasmine

19 Ottobre 2017



Blue Jasmine
Kate Blanchet

Poiché io sono affascinato dalla persona che amo e non voglio assolutamente perderla, posso decidere di non dire tutto di me stesso ma di mostrarle solo la parte migliore, quella che penso possa piacerle. Come avviene durante il corteggiamento in cui ciascuno cerca di affascinare l’altro. Ma il  corteggiamento è una recita, mentre quella che si fanno i due innamorati è una  confessione. La storicizzazione dell’innamoramento per  essere efficace deve essere fondata esclusivamente sulla  verità. C’è una donna  innamorata  che vuole parlare  di sé  dicendo la verità anche se sa che l’uomo che ama vorrebbe che lei parlasse con disprezzo del suo  primo amore. Lei non cede, sa che se lo facesse deformerebbe il suo passato, mentre vuol essere amata per ciò che è realmente, senza nessuna  finzione.

Nel Film Blue Jasmine di Woody Allen, l’attrice Kate Blanchett dopo una vita torbida e sfortunata torna ad innamorarsi riamata e sta per sposarsi quando incontra una persona del suo passato che racconta davanti al suo fidanzato gli episodi spiacevoli che lei non gli aveva mai raccontato. Per ricominciare una nuova vita ed un nuovo amore non aveva detto la verità  ma  aveva raccontato al suo fidanzato un’altra storia inventata e tutto era andato bene finché non è emersa brutale la verità. Il fidanzato sbalordito vuol sapere di più e, poiché lei ammette di averlo ingannato, la lascia. Probabilmente se lei – sia pure con garbo – gli avesse detto tutto nella fase incantata dello stato nascente, lui l’avrebbe amata così come era, l’avrebbe giustificata. Ma sentendolo dopo ha l’impressione di trovarsi di fronte ad una altra donna, una sconosciuta, una mentitrice, una avventuriera con un passato tenebroso da nascondere e il processo di innamoramento si interrompe.

 

Blue Jasmine

Vai all’indice del numero 2

Condividi questo articolo

Blue Jasmine

Francesco Alberoni

Laureato in medicina, ordinario di Sociologia a Milano. Ha studiato il divismo L’elite senza potere (1963) ed è stato il fondatore della sociologia dei consumi in Europa: Consumi e società (1964). È il maggior studioso dei movimenti collettivi Movimento e istituzione (1977) e Genesi (1989), è il pioniere degli studi sull’amore: Innamoramento e amore (1979) tradotto in trenta lingue, un tema che ha continuato ad approfondire con L’amicizia (1984) l’Erotismo 1986) Ti amo (1996) Sesso e amore (2006) L’arte di amare (2012) Amore e amori (Edizioni Leima, Palermo, 2016). Con Cristina Cattaneo ha pubblicato L’universo amoroso (2017), Amore mio come sei cambiato (2019) e L’amore e il tempo (2020).

Back to Top