Rompere il ghiaccio

20 Marzo 2021



Rompere il ghiaccio
Rompere il ghiaccio

Buongiorno dottoressa,

ho 23 anni e le scrivo perché ho una grande difficoltà nei rapporti con le ragazze e questa difficoltà mi sembra aumentare man mano che passa il tempo. Faccio parte di un gruppo di amici e siamo molto legati. Ci sono anche delle ragazze con cui  c’è grande cameratismo, è come se ci dimenticassimo di essere maschi e femmine. Talvolta è capitato di stare con una ragazza durante una serata insieme, ma poi l’indomani si faceva come se niente fosse e non sapevo mai come considerare quello che era accaduto. Nel dubbio ho sempre fatto finta di niente.

Qualche tempo fa Anna era entrata nel nostro gruppo. Siamo stati insieme qualche volta, ma poi lei si comportava come se io fossi  stato esattamente come gli altri.  Ci sono rimasto male e non mi sento più a mio agio con lei.

Ora ho appena conosciuto Valentina. Mi sembra che sia libera e mi piace molto, ma non so come comportarmi perché diventi “la mia ragazza”, un’espressione che ai miei compagni non piace e deridono; io mi sento un po’ stupido ma è proprio questo che sogno. Mi piace  immaginarla così. Ma non so come avvicinarmi a lei, come rompere il ghiaccio. Mi dà un consiglio?

Roberto

 

 

Cristina Cattaneo BerettaCaro Roberto,

prima o poi scatta in ognuno di noi un processo di individuazione. Pur stando bene insieme ai nostri amici, al nostro gruppo, incominciamo a sentire altri bisogni  e desideri, che magari non osiamo confessare, ma diventano per noi di primaria importanza, mentre per i nostri amici non lo sono (o non lo sono ancora). E’ quello che mi pare ti stia accadendo. Le prime esperienze sono rimaste nell’ambito del gruppo, e le regole non scritte del gruppo hanno prevalso. Ma ora il desiderio di conoscere Valentina, di iniziare con lei una vita nuova è cresciuto, è divenuto più forte e mette a repentaglio i legami con il gruppo.

E quindi leggo nella tua richiesta due aspetti. Il primo come comportarsi con i tuoi amici.

Mi sembra che ti stia rendendo conto che sino a quando cercherai di aderire al tuo gruppo di amici come hai fatto, sarà difficile avere un amore esclusivo, perché  nelle regole del vostro gruppo sono ammessi gli approcci erotici, ma non la formazione di coppie esclusive.  Il tema non è così nuovo, anche in passato  si cercava di dissuadere l’amico che iniziava ad uscire con una ragazza perchè per stare con lei disertava il gruppo, le partite di football,  le uscite serali tutti insieme.

Quindi ti suggerisco di frequentare Valentina da solo. Ma ecco la seconda questione,   non sai come  rompere il ghiaccio con lei. E’ una situazione molto comune oggi.

In un articolo del magazine (Come seducono i maschi) scherzosamente avevo descritto la seduzione maschile. Osservavo che, in maggior misura, i maschi cercano di sedurre  mettendosi in luce, soprattutto parlando. Parlando di quello che hanno fatto, di quello che stanno facendo e se non hanno fatto ancora nulla degno di nota, di quello che realizzeranno. Le donne effettivamente sono sensibili alla originalità, alla forza , al coraggio. Ma  questo vale moltissimo per la seduzione.

Un rapporto d’amore si basa oltre che sull’attrazione, sull’affinità, il conoscersi e sulla sincerità. Per questo io ti consiglio una strategia  semplice. Appena sarà possibile invita  Valentina a uscire, voi due soltanto. Se accetterà significherà che non ha preclusioni nei tuoi confronti e che le sei simpatico. E quando sarete insieme, non parlare troppo di te, ma interessati a lei, mettila al centro delle tue attenzioni. Falla parlare di ciò che ama, che apprezza, dei suoi progetti, e ascoltala con attenzione, con partecipazione, con rispetto. Fai  in modo che si senta a suo agio, non interrogata.  Oggi è così difficile trovare qualcuno che si interessi a noi, che ci ascolti veramente con un’attenzione non morbosa, ma partecipata.  Non cercare subito di bruciare le tappe. Gusta i piccoli passi sino a che non sarà lei ad aprirsi e a venire verso di te.

In gruppo potrete comportarvi come sempre, senza rivelare subito la vostra frequentazione, perché gli stati nascenti vanno protetti da ogni interferenza anche benevola.

Il resto dipenderà da qualcosa di imponderabile: quanto vi troverete bene e se nascerà, dopo la prima attrazione, un vero innamoramento. E il gruppo, non ti preoccupare, si adeguerà.

 

Cristina Cattaneo Beretta

Domande e risposte a problemi d’amore è una rubrica del giornale che esce ogni sabato. Scrivete i vostri problemi, i vostri dilemmi  e verrà data una risposta.

 

Condividi questo articolo

Rompere il ghiaccio

Cristina Cattaneo Beretta

Cristina Cattaneo Beretta (ha aggiunto il nome della mamma al suo) (email) Laureata in filosofia ed in psicologia a Pavia, psicoterapeuta, dottore di ricerca in filosofia delle scienze sociali e comunicazione simbolica, ha condotto studi sul linguaggio simbolico e il suo uso terapeutico (Cristina Cattaneo Il pozzo e la luna ed Aracne). Studia le esperienze di rinnovamento creativo e i processi amorosi, approfondendo in particolare il tema della dipendenza affettiva. Ha pubblicato con Francesco Alberoni: L’universo amoroso (Milano, 2017 ed. Jouvence), Amore mi come sei cambiato (2019 Milano, ed. Piemme Mondadori), L’amore e il tempo (Aracne 2020).

ARTICOLO PRECEDENTEPROSSIMO ARTICOLO
Back to Top